Attendi...
Rimani sempre aggiornato, Diventa Fan di m-Squared su Facebook!

Vuoi rimanere informato sulle novità del tuo settore?
M-Squared ti offre questo servizio gratuitamente.

Iscriviti subito per non perderti nulla!

Gratis. Oggi e per sempre.

Devi compilare
questo campo
Non è un indirizzo
email valido

Cliccando su "Iscriviti gratis" autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.LGS 196/2003

Hai bisogno dei nostri consigli?

I nostri settori di intervento


Fans


Follower

Seguici su Facebook

Seguici su Google+

Seguici su Twitter

07 settembre 2016

Regolamento cosmetico: le possibili sanzioni

Regolamento cosmetico: le possibili sanzioni

Ormai il regolamento cosmetico è ben conosciuto da tutte le aziende operanti nel settore ma sono ugualmente conosciute anche le possibili sanzioni in caso di mancata osservanza della norma?

Tutt’oggi molte aziende cosmetiche non sono in possesso del PIF per i prodotti che vendono oppure lo stesso non è stato compilato in modo corretto. Per PIF mancante, irregolare o incompleto il decreto legislativo 204/2015 art. 8 prevede una sanzione da 10000 a 100000 euro.

Anche se il PIF è stato correttamente compilato non va dimenticato che prima di immettere il prodotto sul mercato lo stesso va notificato al portale europeo CPNP. In caso non venga effettuata la notifica la sanzione è compresa tra 1000 e 6000 euro (art.9 decreto legislativo 204/2015)

Nonostante possa sembrare di poco conto anche l’etichetta ha un’importanza fondamentale per quanto riguarda i cosmetici. Le informazioni che devono essere contenute in etichetta, in modo che sia conforme al Regolamento (CE) n° 1223/2009 del Parlamento Europeo, sono le seguenti:

  • nome o ragione sociale e indirizzo della persona responsabile;
  • contenuto nominale espresso in peso o in volume;
  • la data entro cui il prodotto può essere utilizzato e, se opportunamente conservato, entro cui continua a svolgere la sua funzione iniziale. L’indicazione della data di durata minima non è obbligatoria per i prodotti cosmetici che abbiano una durata minima superiore ai trenta mesi;
  • le precauzioni di impiego
  • il numero del lotto di fabbricazione o il riferimento che permetta di identificare il prodotto cosmetico;
  • la funzione del prodotto cosmetico, salvo se risulta dalla sua presentazione;
  • l’elenco degli ingredienti. Non sono considerati ingredienti: le impurezze contenute nelle materie prime utilizzate e le sostanze tecniche secondarie utilizzate nella miscela ma che non compaiono nella composizione del prodotto finito.

Ricordiamo inoltre che le indicazioni sopra citate devono essere scritte in caratteri indelebili, facilmente leggibili e visibili.

In caso di etichetta irregolare le sanzioni previste vanno da 500 a 5000 euro,come indicato nel decreto legislativo 204/2015 art. 13.

Le sanzioni riportate in questo articolo sono solo le più frequenti, per maggiori informazioni ai seguenti link potete trovare il Regolamento (CE) n° 1223/2009 del Parlamento Europeo e il Decreto Legislativo 204/2015.

Gli esperti nel settore possono consigliarvi e aiutarvi nella messa a norma dei vostri cosmetici, quindi perché rischiare?

+Copy link

Scrivi qui la tua domanda

I campi contrassegnati da * sono obbligatori.