Le CAR-T

Sono ormai molti anni che la medicina e la società in generale ripongono molte aspettative su un nuovo tipo di terapia innovativa per la cura di alcuni tipi di patologie oncologiche.
L’idea di ingegnerizzare le cellule T a fine terapeutico risale ad oltre 20 anni fa, quando i ricercatori iniziarono ad osservare ottimi risultati da esperimenti in vitro. Il passaggio dal bancone del laboratorio alla ricerca clinica è stato quindi piuttosto veloce, anche grazie alla corsia preferenziale adottata dalla FDA (l’Ente regolatore del Farmaco negli USA) nel dare il via libera all’uso di questa terapia.
A testimonianza di tutto ciò l’immagine qui sotto mostra proprio come sia i lavori pubblicati su riviste peer-review focalizzati sui trial clinici con CAR-T stiano crescendo in maniera esponenziale.

 

Andiamo un po’ a vedere nel dettaglio i motivi del clamore mediatico creatosi intorno ad uno dei più promettenti filoni di ricerca della medicina moderna.

Cosa sono le CAR-T?

L’acronimo deriva dall’inglese Chimeric Antigen Receptor T-cell (cellule CAR T) che si riferisce a cellule ingegnerizzate e descrive un complesso procedimento in cui alcune cellule del sistema immunitario vengono prelevate dal paziente, geneticamente modificate in laboratorio per poter riconoscere le cellule tumorali e poi re infuse nello stesso paziente. Si tratta quindi di un nuovo e complesso approccio terapeutico, potenzialmente in grado di aggredire tutti i tipi di tumori, siano essi solidi oppure liquidi (Linfomi e Leucemie).

I protagonisti di questo processo sono i Linfociti T del nostro sistema immunitario, cellule che normalmente combattono le minacce portate da agenti patogeni esterni come virus o da altre cellule maligne presenti nell’organismo. I tumori, in molti casi, riescono purtroppo ad eludere la risposta del sistema immunitario “mimetizzandosi” e proliferando in maniera incontrollata portando alla progressione della malattia. I CAR-T sono i linfociti T ingegnerizzati, dotati di un sistema di riconoscimento, il cosiddetto recettore chimerico, ad alcuni tipi di cellule tumorali.

Nell’immagine sottostante sono mostrati i vari passaggi che la compongono.

Come funziona la terapia

I linfociti T del paziente vengono prelevati, modificati ad hoc in modo da poter riconoscere uno specifico antigene tumorale e fatti espandere, cioè aumentati di numero, in laboratorio. Vengono reintrodotti nel corpo del paziente, che nel frattempo è stato trattato con una forma di chemioterapia per eliminare le cellule del suo sistema immunitario evitando problemi di rigetto e lasciando campo libero alle cellule chimeriche.

Se il trattamento va a buon fine, le cellule ingegnerizzate possono restare nell’organismo anche per mesi dopo la somministrazione, svolgendo l’attività per cui sono state programmate e continuando a difendere l’organismo da possibili recidive tumorali, risparmiando le cellule sane.

La procedura è personalizzata, perché ad essere trattate sono le cellule di ogni singolo paziente.

Questo processo, incredibilmente sofisticato dal punto di vista biologico e tecnologico richiede in tutto un mese di tempo dalla leucaferesi alla reinfusione.

Campi applicativi

I migliori risultati sono stati finora ottenuti contro alcuni tumori del sangue, in particolare leucemie e linfomi di tipo B. A partire dal 2018 sono state approvate in Europa le prime terapie a base di CAR-T per la leucemia linfoblastica acuta a cellule B e per il linfoma B a grandi cellule.

La sperimentazione sull’uomo è in corso anche per altri tumori del sangue, come la leucemia mieloide acuta e il mieloma multiplo, ed è in fase preclinica per alcuni tumori solidi, tra cui quello della mammella, del pancreas, del polmone, del cervello, di testa e collo.

Matteo Basilissi | Senior Consultant

Published On: Ottobre 8th, 2020Categories: In evidenza

Tag

STAY IN THE LOOP

Iscriviti alla nostra newsletter.

Related Posts

View all
  • Dimensioning a market is a challenge and doing it on undefined products is even more difficult. If you add then […]

    Continue reading
  • Il technical writing è un tipo di comunicazione scritta che tratta argomenti di natura tecnica in maniera accurata e concisa, […]

    Continue reading
  • Il team di m-Squared Consulting, società di consulenza tecnica nella gestione di progetti complessi per le più importanti realtà Life Science […]

    Continue reading
  • Quanto è importante il trattamento statistico dei dati per il sistema di qualità? La tendenza attuale delle GMP è di […]

    Continue reading